FRONTIERA D'EUROPA

LA COLLANA

La collana “Frontiera d’Europa - Studi e Testi” fa parte delle attività editoriali e scientifiche dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.

Direttore
Raffaele Ajello

Condirettore
Francesco Di Donato

Vicedirettore
Raffaele Iovine

Comitato scientifico
Orazio Abbamonte, Giorgia Alessi, Andrea Amatucci, Imma Ascione,
Gianfranco Borrelli, Ileana Del Bagno, Robert Descimon, Vanda Fiorillo,
José Maria Garcia Marín, Jacques Krynen, Dario Luongo,
Aldo 
Mazzacane, Renata Pilati, Albert Rigaudière, Andrea Romano,
Mario 
Tedeschi, Roberto Tufano, Dale K. Van Kley, Silvio Zotta

Comitato redazionale
Giuseppe F. de Tiberiis, Saverio Di Franco, Rocco Giurato, Maria Luisa Pisacane, Gerardo Ruggiero, Sonia Scognamiglio, Massimo Tita
.

PABLO VÁZQUEZ GESTAL

VERSO LA RIFORMA DELLA SPAGNA

Il carteggio tra Maria Amalia di Sassonia e Bernardo Tanucci (1759-1760)

Volume I

INDICE DEGLI ARGOMENTI

R. Ajello, La nascita della socialità moderna

1. Il momento storico cruciale in cui fu redatto il “Carteggio” 1
2. Era tramontata l’idea dell’uomo creato a somiglianza divina 5
3. Origini altomedievali delle differenze tra le nazioni europee 10
4. Il pragmatismo tedesco trasferí le idealità nel culto dell’etnia 14
5. In Italia il super-idealismo medievale si trasformò in cinismo 18
6. Il cinismo portò alla svalutazione della religiosità: D’Andrea 24
7. Il riformismo francese contro il blocco ontologico italiano 28
8. Durata lunga della magia, gestazione lenta della razionalità 34
9. Il dominio della retorica nascose la lunga serie dei fallimenti 39
10. La svalutazione della mente, da divina a “mostruosa”: Pascal 43
11. Il passo breve dalla socialità di Pascal a quella di Rousseau 47
12. Fu francese la piú valida rivoluzione mentale, morale, sociale 50
13. Pensiero moderno: un profilo umile, contro l’enfasi idealistica 56
14. Il rifiuto dell’illuminismo, la fedeltà all’ontologismo medievale 60
15. Presunzioni resistenti: «le tenebre sono piú chiare della luce» 65
16. Quadro estremamente tormentato della politica mediterranea 71
17. Finalità nuove della storiografia: analizzare le utilità sociali 77
18. L’esigenza di rifiutare l’idealismo e di adottare il pragmatismo 81
19. L’hegelismo espresse la rivincita dell’ontologismo medievale 86
20. Nietzsche: il pensiero è debole. Le due “inversioni dei valori” 93
21. Tre novità favorevoli al governo di Carlo a Napoli nel 1734 99
22. Carlo, “re proprio”, risvegliò il culto della sovranità nazionale 104
23. Forte influenza di Amalia e di Tanucci nella maturazione del Re 110
24. Dopo il 1734: la storia delle Sicilie acquistò un profilo europeo 116
25. Origini personali e profonde dell’aspro radicalismo tanucciano 121
26. Fonti della civiltà sono: educazione pubblica e moralità statale 128
27. Difficili rapporti tra il radicato cinismo e la nuova solidarietà 134
28. Tanucci: dal rigorismo sterile alla visione sociale dei problemi 139
29. Il Re, la Regina e Tanucci fecero nascere un precario consenso 143
30. La forte spiritualità di Maria Amalia fu il segno di tempi futuri 148
31. La ‘gravità’ spagnola contribuí al blocco contro la modernità 153
32. Nella vita pratica la barbarie persisteva e persiste in segreto… 158
33. …e la ricerca storica, se non è mera letteratura, deve indicarla 163
34. Il crollo del riformismo incrementò il rifugiarsi nell’ontologismo 168

P. Vázquez Gestal, Maria Amalia di Sassonia, fra Spagna e Italia: storia e storiografia di una regina

1. Maria Amalia in prospettiva 171
2. Il regno delle Due Sicilie e l’arrivo di una regina consorte, 1738 182
3. Maria Amalia e la società politica meridionale, 1738-1746 194
4. Maria Amalia e il governo delle Due Sicilie, 1746-1759 203
5. Il carteggio tra una regina e un ministro, 1759-1760 220

PABLO VÁZQUEZ GESTAL

VERSO LA RIFORMA DELLA SPAGNA

Il carteggio tra Maria Amalia di Sassonia e Bernardo Tanucci (1759-1760)

Volume II

INDICE DEGLI ARGOMENTI

NOTA INTRODUTTIVA
1. Presentazione 3
2. Criteri e norme della trascrizione 6
3. Abbreviazioni 9
4. Fonti online impiegate 10
5. Indice delle Lettere di Maria Amalia di Sassonia 10
6. Indice delle Lettere di Bernardo Tanucci 16

CARTEGGIO
1. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Napoli 6 ottobre 1759 25
2. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Barcellona 17 ottobre 1759 27
3. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Barcellona 21 ottobre 1759 30
I. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 9 ottobre 1759 38
4. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Lerida 25 ottobre 1759 41
II. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 16 ottobre 1759 43
5. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Saragozza 1 novembre 1759 45
III. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 23 ottobre 1759 49
6. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Saragozza 8 novembre 1759 50
IV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 30 ottobre 1759 52
IVBis. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 30 ottobre 1759 53
V. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 6 novembre 1759 54
VI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 13 novembre 1759 57
VII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 20 novembre 1759 59
7. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 11 dicembre 1759 61
VIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 27 novembre 1759 67
8. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 18 diciembre 1759 72
IX. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 4 dicembre 1759 77
9. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 25 diciembre 1759 79
10. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 1 gennaio 1760 80
X. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 11 dicembre 1759 85
XI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 18 dicembre 1759 86
11. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 8 gennaio 1760 88
12. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 15 gennaio 1760 90
XII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 25 dicembre 1759 93
XIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 1 gennaio 1760 95
13. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 22 gennaio 1760 97
XIV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 8 gennaio 1760 99
14. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 29 gennaio 1760 102
XV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 15 gennaio 1760 107
15. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 5 febbraio 1760 108
XVI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 22 gennaio 1760 111
XVIBis. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 22 gennaio 1760 115
16. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 12 febbraio 1760 117
XVII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 29 gennaio 1760 128
17. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 19 febbraio 1760 130
XVIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 5 febbraio 1760 133
18. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 26 febbraio 1760 139
XIX. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 12 febbraio 1760 146
19. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 4 marzo 1760 148
XX. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 19 febbraio 1760 150
20. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 11 marzo 1760 152
XXI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 26 febbraio 1760 155
21. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 18 marzo 1760 159
XXII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 4 marzo 1760 161
22. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 24 marzo 1760 165
XXIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 11 marzo 1760 167
23. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 1 aprile 1760 170
XXIV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 18 marzo 1760 172
24. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 8 aprile 1760 176
XXV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 25 marzo 1760 179
25. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 15 aprile 1760 180
XXVI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 1 aprile 1760 184
26. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 22 aprile 1760 187
XXVII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 8 aprile 1760 195
27. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 29 aprile 1760 199
XXVIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 15 aprile 1760 201
28. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 6 maggio 1760 204
XXIX. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 22 aprile 1760 206
29. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 13 maggio 1760 207
XXX. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 29 aprile 1760 209
30. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 20 maggio 1760 214
XXXI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 6 maggio 1760 216
31. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 27 maggio 1760 219
XXXII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 13 maggio 1760 221
32. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 3 giugno 1760 223
XXXIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 20 maggio 1760 226
33. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Aranjuez 10 giugno 1760 228
XXXIV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Caserta 27 maggio 1760 231
34. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 17 giugno 1760 236
XXXV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 3 giugno 1760 238
35. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 24 giugno 1760 241
XXXVI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 10 giugno 1760 244
36. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 1 luglio 1760 248
XXXVII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 17 giugno 1760 251
37. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 8 luglio 1760 255
XXXVIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 24 giugno 1760 257
38. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 15 luglio 1760 260
XXXIX. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 1 luglio 1760 261
39. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, Buen Retiro 22 luglio 1760 263
XL. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 8 luglio 1760 268
40. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, San Ildefonso 29 luglio 1760 271
XLI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 15 luglio 1760 276
41. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, San Ildefonso 5 agosto 1760 279
XLII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 22 luglio 1760 283
42. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, San Ildefonso 12 agosto 1760 285
XLIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 29 luglio 1760 286
43. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, San Ildefonso 19 agosto 1760 288
XLIV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 5 agosto 1760 289
44. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, San Ildefonso 26 agosto 1760 292
XLV. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 12 agosto 1760 293
45. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, San Ildefonso 2 settembre 1760 297
XLVI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 19 agosto 1760 298
46. Maria Amalia a Bernardo Tanucci, San Ildefonso 9 settembre 1760 302
XLVII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 26 agosto 1760 304
XLVIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 2 settembre 1760 307
XLIX. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Napoli 9 settembre 1760 309
L. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Portici 16 settembre 1760 311
LI. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Portici 23 settembre 1760 313
LII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Portici 30 settembre 1760 315
LIII. Bernardo Tanucci a Maria Amalia, Portici 7 ottobre 1760 317

APPENDICE
I. Memoria sulla corte e sullo Stato delle Due Sicilie redatta dal marchese di Puyzieulx nel 1737 321
II. «Registro curioso de lo interior y exterior de la corte de Napoles» 330
III. Memoria di Alfonso Clemente de Aróstegui sulla sua prima udienza con i sovrani delle Due Sicilie, luglio 1753 338
IV. «Españoles que sirven en palacio», gennaio 1754 340
V. Dispaccio del conte di Bristol sulla corte e governo di Spagna, 11 febbraio 1760 342
VI. Relazione delle feste di proclamazione di Carlo III quale re di Spagna 344
1. La serie dei festeggiamenti 344
2. Giuramento 348
3. Descrizione della corrida 350
4. Fonti inedite ed edite sulle feste 351
VII. Documenti sulla malattia e sulla morte di Maria Amalia (1760) 354
1. Il conte di Bristol a William Pitt, Segovia 8 settembre 1760 354
2. Il conte di Bristol a William Pitt, Segovia 10 settembre 1760 354
3. Il conte di Bristol a William Pitt, Segovia 15 settembre 1760 354
4. Il conte di Bristol a William Pitt, Madrid 22 settembre 1760 355
5. Il conte di Bristol a William Pitt, Madrid 29 settembre 1760 355
6. Ricardo Wall al conte di Aranda, Madrid 28 settembre 1760 357
7. Riassunto del testamento della Regina 357
VIII. Lettere fra Carlo III e il Consiglio di Reggenza per la morte di Maria Amalia (1760) 359
1. Il Consiglio di Reggenza del regno delle Due Sicilie a Carlo III, Portici 14 ottobre 1760 359
2. Carlo III al Consiglio di Reggenza, Buen Retiro 4 novembre 1760 359
IX. Elogi funebri dedicati a Maria Amalia di Sassonia 361
1. Spagna 361
2. Italia 366
3. Europa e America 366
X. Dispaccio del conte di Bristol sulla corte di Spagna dopo la morte di Maria Amalia (1760) 369
XI. «Ricomporre un Popolo abbandonato, e formarne una Nazione». Camillo Paderni e il ritratto di Carlo di Borbone de Le Antichità di Ercolano Esposte 373
Documenti:
1. José Joaquín de Montealegre a Roque Joaquín de Alcubierre, Napoli 8 febbraio 1740 401
2. Il cardinale Acquaviva al marchese di Villarías, Roma 9 settembre 1745 401
3. Il marchese Giovanni Fogliani a Giovanni Bernardo Voschi, Portici 18 maggio 1747 401
4. José de Carvajal a Alfonso Clemente de Aróstegui, Aranjuez 12 giugno 1747 401
5. Alfonso Clemente de Aróstegui a José de Carvajal, Roma 13 luglio 1747 402
6. Il marchese Giovanni Fogliani a Giovanni Bernardo Voschi, Napoli 2 agosto 1747 403
7. Alfonso Clemente de Aróstegui a José de Carvajal, Roma 10 agosto 1747 403
8. Alfonso Clemente de Aróstegui a José de Carvajal, Roma 21 dicembre 1747 403
9. Il marchese Giovanni Fogliani a Giovanni Bernardo Voschi, 16 settembre 1748 404
10. José de Carvajal a Alfonso Clemente de Aróstegui, Buen Retiro 8 ottobre 1748 404
11. Alfonso Clemente de Aróstegui a José de Carvajal, Roma 24 ottobre 1748 404
12. Alfonso Clemente de Aróstegui a José de Carvajal, Roma 7 novembre 1748 405
13. Ottavio Antonio Bayardi a Anton Francesco Gori, Napoli 15 agosto 1752 405
14. Ottavio Antonio Bayardi a Anton Francesco Gori, Napoli 16 settembre 1752 406
15. Il marchese Giovanni Fogliani al marchese Angelo Acciajuoli, 25 novembre 1753 406
16. Il marchese Giovanni Fogliani al marchese Angelo Acciajuoli, 3 dicembre 1753 407
17. Commenti del Bayardi sull’inizio ed sviluppo della ‘scuola di Portici’, Napoli 1754 407
18. Sir James Gray a Thomas Robinson, Napoli 29 ottobre 1754 408
19. Il marchese Giovanni Fogliani al principe di Francavilla, Portici 2 novembre 1754 409
20. Ordine di pagamento del signor principe di Francavilla, Napoli 24 agosto 1755 409
21. Bernardo Tanucci a Tommaso Trabucco, Portici 8 maggio 1756 410

ROBERTO TUFANO

VERSO LA GIUSTIZIA PRODUTTIVA

un’esperienza di riforme delle due Sicilie (1738-1746)

INDICE DEGLI ARGOMENTI

IV. Il difficile avvio dei consolati di mare e di terra (1738-1740)

1. Un ‘tempo eroico’ tra pratiche e politiche mercantilistiche
2. Contrasti tra mercanti, mercantilisti e togati sui consoli-giudici
3. Lo scarto tra progetto ideale e condizioni strutturali dell’ambiente
4. Confronto tra sistemi di selezione della classe dirigente
5. Adottare per i consoli un modello simile al francese?
6. Propensione marinara austro-sicula. Passarowirtz: fiducia nel ‘Turco’
7. Von Fleischmann da Costantinopoli a Napoli
8. La proiezione marittima della politica montealegrina
9. ”Caravane” e nuova rete consolare per il mercato dei noli

V. Il supremo magistrato del commercio per una svolta delle mentalità istituzionali

1. Una magistratura produttiva di un diritto ‘nuovo’
2. Come la procedura incideva sugli esiti giudiziari
3. Deontologie inconciliabili: gravi scontri tra il Re e il Supremo
4. Prospettive storiche del francese droit des affaires.
5. ‘Enregistrement’ e ‘conflits de jurisdiction’: mediazione sociale e controllo regio
6. ‘Mastri d’atti’ e l’ambigua etica del pubblico impiego
7. Le fazioni in lotta per le posizioni da console
8. Le reazioni di altre istituzioni al Supremo: i conflitti di giurisdizione

ROBERTO TUFANO

LA FRANCIA E LE SICILIE

Stato e disgregazione sociale nel mezzogiorno d’Italia da Luigi XIV alla rivoluzione

INDICE DEGLI ARGOMENTI

RAFFAELE AJELLO

DALLA METAFISICA ALLA SOCIALITÀ

La rivoluzione moderna e le ambiguità italiane

INDICE DEGLI ARGOMENTI

JOHN PHILIP DAWSON

GLI ORACOLI DEL DIRITTO

a cura e con un saggio introduttivo di
ROCCO GIURATO

INDICE DEGLI ARGOMENTI

RENATA PILATI

ARCANA SEDITIONIS

Violenze politiche e ragioni civili
Napoli 1547 – 1557

INDICE DEGLI ARGOMENTI

I. UNA MODERNITÀ MOLTO AMBIGUA CONTRO IL CAOS MEDIEVALE
A) La strategia toledana dopo il 1542: Ritardata attuazione dello stato Ministeriale

1. Il mondo economico in subbuglio
2. Potere economico e amministrazione tra connivenze e conflitti
3. Gli officiali tra la ‘visita’ e l’inquisizione interna agli apparati
4. Microfisica del potere: le giurisdizioni dei tribunali inferiori
5. Le giurisdizioni dei tribunali superiori
6. Milites e togati: la diarchia al vertice del potere
7. Il programma politico-culturale dei gentiluomini di Seggio
8. La repressione: censura sulla stampa e chiusura delle Accademie

B) Prova di governo per i gentiluomini: la numerazione dei fuochi del 1545

1. La numerazione dei fuochi: gli interessi in contrasto
2. Le ragioni delle comunità contro quelle del Fisco
3. La scelta di gentiluomini e caballeros come esecutori
4. Procedere in base a nuove «regule et jnstructiune»
5. Terre franche, fuochi assenti, case “vacue” e privilegiati
6. Il corso delle operazioni tra contrasti e rinunce
7. Bilancio: successo fiscale e conseguenze politico-sociali

II. UNA RIVOLTA CAOTICA, PRIVA DI MEZZI E DI SBOCCHI
A) Napoli tra rivolte, tregue e compromessi

1. La primavera del 1547
2. “La inquisicion” diocesana nasconde quella “de Spaña”?
3. Continuano le turbolenze popolari, ma per altri motivi
4. Giustizia arbitraria: liberato un popolano, scannati tre nobili
5. «La ciudad toda en armas» contro la violenza gratuita del Viceré
6. Il Viceré fa bombardare la Città, poi concede la tregua
7. Serrata della Sommaria, controllo militare della Vicaria
8. «Ymportancia del negoçio»: testimonianze della diplomazia italiana
9. Appello dei nobili alle province e sbarco a Napoli dei fanti spagnoli
10. Esplodono i “secondi moti”. Bombardamento della Città
11. Toledo detto “Nerone” distrugge per imporre la resa incondizionata

B) Dall’accordo al perdono

1. Accordo firmato il 23 luglio; ma la Città rimane nel caos
2. Quasi tutti perdonati da Carlo V, consegnano le armi (5 agosto)
3. Conclusioni della Città: esito fallimentare di una rivolta ambigua
4. La giustizia ingiusta del Viceré tra proteste e letteratura

III. LO SBOCCO TOGATO DEL CONFLITTO: IL PRIMATO DEL FORMALISMO PARASSITARIO
A) Il significato della rivolta nelle rivendicazioni post-toledane

1. Istanze nobiliari: no al disarmo materiale, politico, giuridico
2. Inquisizione spagnola e disarmo: due strumenti di schiavitù
3. I sudditi non diventino nemici: utilità politica dei compromessi
4. Ritornate in sede, le bande condannano le ipocrisie del regime
5. Repressione prudente a Napoli: ammende, controllo del popolo
6. Esuli a Benevento, Roma, Venezia: interessi diversi tra nobili e popolari
7. La missione a Corte di G. C. Caracciolo e G. B. Pino
8. Ambigua vittoria del Viceré: origini dell’«anomalia» meridionale

B) Il tribunale contro i ribelli: repressione interna, spionaggio estero

1. Toledo escluso dal Tribunale. Varietà delle situazioni e dei giudizi
2. Processati G. Troiano Stinca, G. Maria Sortino, A. Barattuccio
3. Ribelli prestigiosi: il dottor Pisanello, l’alto officiale Colonna
4. Antonio Grisone: la sua vita, i suoi beni, per una Napoli francese
5. Cesare Carafa: due processi e tortuose, sofferte peripezie
6. I progetti del Principe di Salerno nel racconto di Cesare Carafa
7. Indulto 1551. Giustizia ineguale: salvi A. Bozzuto e C. Mormile
8. Ancora misfatti dei fuorusciti: collegati coi Francesi di Siena?
9. Interrogati, ossia torturati: Siena e Napoli tra Francia e Spagna
10. Rimedio per i fuorusciti: cederli a Genova per la riconquista della Corsica (1553)

C) Nuova forma assunta dalla strategia iniziata nel ’42: l’espansione dei poteri degli Offici

1. Un nuovo assetto delle strutture ministeriali
2. Offici: crebbero il numero, gli abusi, la venalità
3. Segni di severità: Commisssari per ispezionare le province
4. Missione Seripando: il ripristino della legalità
5. Aumento dei prezzi, inflazione: i togati comprano tutto

D) Sconfitta del Principe di Salerno: nuovo patto di fedeltà dei milites alla monarchia spagnola

1. Il Principe di Salerno e la Repubblica di Venezia
2. La «dietta» di Chioggia: Sanseverino alleato di Francesi e Turchi
3. Morte di Toledo: nuovi pericoli di destabilizzazione
4. 1554: nuovo attacco dei Turchi con il principe Sanseverino
5. La nobiltà cerca di recuperare credito prestando servizio militare
6. Idealità giuridiche e cristiane: nessun altro orizzonte per la nobiltà